ORARIO UFFICIO

ORARIO UFFICIO DAL LUNEDI AL VENERDI - MATTINA: 9.00-12.30 - POMERIGGIO: 15.30-18.00 | POTETE CONTATTARCI ALLA MAIL: borgoassicurazioni@yahoo.it

mercoledì 24 giugno 2015

COME FUNZIONA LA POLIZZA DELLA TARGA PROVA?

Iniziamo con il dire cos'è una targa prova. La TARGA PROVA è una targa utilizzabile per i veicoli che circolano su strada per esigenze connesse a prove tecniche, sperimentali, costruttive, per dimostrazioni, trasferimenti, oppure per motivi di vendita o di demolizioni.

L'autorizzazione per la TARGA PROVA è rilasciata a fabbriche costruttrici di veicoli, ai concessionari, ai commissionari, agli agenti di vendita, ai commercianti autorizzati, alle aziende che esercitano il trasferimento su strada di veicoli non ancora immatricolati, alle fabbriche costruttrici di carrozzerie e di pneumatici, alle fabbriche costruttrici di sistemi o dispositivi d'equipaggiamento di veicoli a motore e di rimorchi e agli esercenti di officine di autoriparazione e di trasformazione anche per proprio conto.
La TARGA PROVA può essere utilizzata per la circolazione di un solo veicolo alla volta e deve essere tenuta a bordo dello stesso. Sul veicolo deve essere presente o il titolare della TARGA PROVA oppure un suo dipendente.

La TARGA PROVA deve essere coperta da polizza di responsabilità civile verso terzi.

Sono previste delle sanzioni per un uso non corretto della TARGA PROVA. L'art. 98 del Codice della Strada prevede sanzioni da 64 a 335 euro per  veicoli in circolazione di prova adibiti ad uso diverso, veicoli in circolazione di prova sul quale non sia presente il titolare dell'autorizzazione o un suo dipendente munito di apposita targa. L'art. 100 del Codice della Strada prevede sanzioni pecunarie da 25 a 99 euro per omessa applicazioni della TARGA PROVA durante la circolazione.

lunedì 22 giugno 2015

LA SOSPENSIONE DELLA POLIZZA AUTO

La maggior parte delle Compagnie di Assicurazione danno la possibilità per l'assicurato di sospendere per un periodo di tempo la copertura assicurativa.
Le modalità di sospensione però non seguono una linea fissa ed ogni Compagnia applica regole a suo piacere.
Per sospendere la propria polizza è necessario restituire il contrassegno di assicurazione, la polizza e la carta verde per le Compagnie classiche oppure distruggere la triade (contrassegno di assicurazione, la polizza e la carta verde) per le Compagnie on-line o telefoniche.
Quando, naturalmente, si vorrà riutilizzare il veicolo si deve richiedere la riattivazione della polizza alla Compagnia.
Quando la polizza sarà attiva la scadenza sarà prorogata per il periodo pari a quello della sospensione.
La sospensione è utile per chi non fa un uso continuativo del veicolo durante l'anno, ad esempio chi possiede un ciclomotore o un motociclo e non lo usa durante il periodo invernale.
Per le modalità, i limiti ed i costi della sospensione è utile leggere attentamente le condizioni di polizza oppure rivolgersi al proprio assicuratore visto che ogni Compagnia ha le sue modalità.
C'è, ad esempio, chi richiede un pagamento per la riattivazione, chi richiede il pagamento anticipato inserendo la garanzia nella polizza al momento della sottoscrizione del contratto, chi applica sospensioni illimitate durante l'anno e chi fissa un massimo di 1 sospensione l'anno durante la durata del contratto.

martedì 16 giugno 2015

IN CASO DI SINISTRO...

In caso di incidente dovete compilare il MODULO BLU o CONSTATAZIONE AMICHEVOLE D'INCIDENTE e consegnarlo alla propria Compagnia Assicurativa entro 3 giorni.

Vanno inseriti tutti i dati più possibili ed immaginabili: DATA e LUOGO DEL SINISTRO, NOME e COGNOME DEL CONTRAENTE, DATA DI NASCITA DEL CONTRAENTE, CODICE FISCALE DEL CONTRAENTE, INDIRIZZO DEL CONTRAENTE, TELEFONO DEL CONTRAENTE, MODELLO E MARCA DEL MEZZO, TARGA DEL MEZZO, STATO DI IMMATRICOLAZIONE, NUMERO DI POLIZZA, COMPAGNIA, SCADENZA DELLA POLIZZA, DATI DEL CONDUCENTE COMPRESI I DATI DELLA PATENTE, L'EVENTUALE INTERVENTO DI AUTORITA' (POLIZIA, VIGILI URBANI O CARABINIERI), GLI EVENTUALI TESTIMONI E GLI EVENTUALI FERITI.

Se il MODULO BLU viene firmato da entrambe le parti la liquidazione del danno è più rapida.

venerdì 12 giugno 2015

COS'E' LA CLASSE DI MERITO

Sembra una domanda banale ma molte persone non hanno neanche l'idea di come funziona la CLASSE DI MERITO nelle polizze RCAUTO.

Partiamo dalla definizione: "Categoria alla quale il contratto è assegnato, sulla base di una scala di valutazione dall'impresa e correlata alla sinistrosità progressa, per individuare il presumibile livornese di rischiosità della garanzia prestata".

In altre parole la classe di merito non è altro che un punteggio compreso tra 1 e 18 dove 1 è il miglior risultato mentre 18 è quello peggiore.

Qual'è la classe di merito d'ingresso? Per i nuovi assicurati la Classe Universale (CU) di partenza è la 14.

Come funziona il bonus/malus? E' un sistema tramite il quale le Compagnie premiano o penalizzano il cliente.

Come funziona la classe di merito in casa di incidente con torto? In caso di sinistro con responsabilità superiore al 50% la classe di merito aumenta di 2 posizioni in peggio (esempio dalla classe 1 alla classe 3). In caso di due sinistri con responsabilità superiore al 50% durante l'anno assicurativo la classe di merito aumenta, in peggio, di 5 posizioni (esempio dalla classe 1 alla classe 6).

Come posso recuperare la classe di merito con la "Legge Bersani"? Per sapere come POTETE CLICCARE QUI

Posso non incorrere nel malus? Si certamente e ci sono anche due metodi per recuperare la classe di merito in caso di sinistro. Il primo è rimborsare alla Compagnia la somma liquidata al danneggiato (conveniente in caso di somme di risarcimento modeste). Il secondo è inserire in polizza la garanzia del "BONUS/MALUS PROTETTO", ovvero la Compagnia abbona un sinistro durante l0anno assicurativo.

Quanto dura un attestato di rischio? L'attestato di rischio dura 5 anni.

mercoledì 10 giugno 2015

LIVORNO SI CONFERMA UNA DELLE CAPITALI DEI MOTOCICLI

Come si voleva dimostrare: Livorno si conferma la capitale dei motocicli e dei mezzi a due ruote (ciclomotori o moto) in generale.
Il dato viene fuori da una ricerca effettuata dalla Compagnia online Quixa (del gruppo Axa).
Secondo la statistica in città e nell'intera provincia livornese la presenza dei mezzi a due ruote è apri al 25% contro una media nazionale del 13%.
Livorno si piazza al quarto posto nella classifica nazionale dietro a Genova, Imperia e Savona ma davanti a città come Roma, Milano e Napoli.
In Toscana Livorno è la numero 1 davanti addirittura a Firenze.