ORARIO UFFICIO

ORARIO UFFICIO DAL LUNEDI AL VENERDI - MATTINA: 9.00-12.30 - POMERIGGIO: 15.30-18.00 | POTETE CONTATTARCI ALLA MAIL: borgoassicurazioni@yahoo.it

lunedì 14 ottobre 2019

A LIVORNO SEQUESTRATI 32 MEZZI SENZA ASSICURAZIONE


Nella mattinata di venerdì 11 ottobre, nel quartiere delle Scopaia, sono stati sequestrati ben 32 mezzi che sono stati scoperti senza assicurazione.
Dei 32 mezzi 6 erano auto e 26 motocicli e ciclomotori.

venerdì 2 agosto 2019

giovedì 18 luglio 2019

AUTO A GPL O METANO: COME FUNZIONA L'ASSICURAZIONE


La maggior parte delle Compagnie non applica sconti specifici ed, in alcuni casi, le tariffe potrebbero anche aumentare in ragione dell'elevata percorrenza di questi mezzi.
Di norma comunque il prezzo della polizza a parità di cavalli resta invariato al confronto con quello di un'auto alimentata a benzina e, comunque, vantaggioso rispetto all'opzione diesel.
Il punto forte del GPL o del Metano resta il notevole vantaggio dei costi di rifornimento.

mercoledì 17 luglio 2019

SERVE LA CARTA VERDE PER ANDARE IN SVIZZERA?

LA CARTINA DEI PAESI DOVE E' OBBLIGATORIA LA CARTA VERDE
Con l'avvicinarsi delle ferie si inizia a pensare a dove andare a trascorrere le vacanze. Per chi viaggia in macchina la domanda che viene fatta spesso è: dove serve la CARTA VERDE?
Bene, la risposta è semplice. La CARTA VERDE, nei Paesi che fanno parte dell'Unione Europea non serve più e basta il certificato.
Ma se, ad esempio voglio andare in Svizzera, paese che non fa parte dell'Unione Europa, mi serve la CARTA VERDE?
Beh per la Svizzera, anche se non fa parte dell'UE, vale la stessa regola ovvero che, per poter varcare il confine svizzero e circolare liberamente nel paese non è necessario avere il documento dietro. La Svizzera non rientra infatti nell'elenco dei paesi in cui, per poter rispettare l'obbligo di assicurazione rca, è necessario essere in possesso del prezioso documento.

lunedì 15 luglio 2019

NEO-PATENTATI: QUALI SONO LE LIMITAZIONI

Per prima cosa è riduttivo chiamare neo-patentato chi ha conseguito da poco la patente. Infatti il Codice della Strada estende il significato ed afferma che il termine include il soggetto che ha conseguito una patente A o B per la prima volta, il soggetto che ha dovuto rifare l'esame e conseguire una nuova patente dopo la revoca della precedente per infrazioni che prevedono una simile sanzione, coloro che hanno conseguito la patente A anche se già in possesso della B o viceversa, i militari che hanno richiesto una conversione della loro patente e gli stranieri residenti in Italia che hanno chiesto lo stesso, chiedendo una conversione della loro patente da straniera a italiana.
Lo status di neo-patentato ha una durata di 3 anni e prevede una serie di limitazioni, divieti e sanzioni che è giusto conoscere per non commettere errori che potrebbero portare a conseguenze spiacevoli. Nei casi peggiori si tratta anche di multe abbastanza salate e della sospensione della patente.

LIMITI DI CILINDRATA

La prima limitazione è quella che riguarda la cilindrata dell'auto. Secondo il Codice della Strada, coloro che hanno ottenuto la patente dopo il 9 febbraio 2011, non sono autorizzati a guidare autoveicoli che non rispettino un certo limite di rapporto peso/potenza e cilindrata. Le auto che i neo-patentati possono guidare non possono superare i 95 cavalli ed una potenza di 55 kw per tonnellata di peso.
In auto per questo c'è il Portale dell'Automobilista, www.ilportaledellautomobilista.it, che permette di inserire, in un apposito spazio, le targhe e le caratteristiche delle auto per capire se sono adatte o meno ai neo-patentati. Il limite riguarda anche gli automobilisti che hanno oltre 80 anni di età.
Le conseguenze per chi infrange questa limitazione potrebbe essere una multa da un minimo di € 160,00 ad un massimo di € 641,00 ed incorrere nella sospensione della patente fino a 8 mesi.

LIMITI DI VELOCITA'

Altro importante limite è quello della velocità. L'articolo 117 del Codice della Strada stabilisce che i neo-patentati non possono superare i 100 km/h in autostrada ed i 90 km/h sulle strade extraurbane principali.
Le sanzioni per chi supera questi limiti sono, oltre alla riduzione dei punti, multe fino ad un massimo di € 646,00 e, nel peggiore dei casi, la sospensione della patente da 2 a 8 mesi. 

LIMITI DELL'ETILOMETRO

Il Codice della Strada consente un tasso alcolemico nel sangue fino a 0,5 g/l, soglia oltre la quale si applicano provvedimenti che vanno da una multa che può arrivare fino a € 6.000,00, l'arresto fino ad un massimo di 1 anno e la sospensione della patente fino a 2 anni.
Per i neo-patentati non è possibile arrivare al limite di 0,5 g/l perché il Codice della Strada prevede un divieto tassativo di assumere alcolici, in qualunque quantità, prima di mettersi alla guida e questo limite dura fino al compimento dei 21 anni.
Le conseguenze di una trasgressione poco grave del divieto vanno da € 155,00 a € 641,00 ed alla rimozione di 5 punti dalla patente. Possono raddoppiare in casi più gravi ed in occasione di incidenti. I recidivi sono particolarmente penalizzati e prevedono la revoca della patente. Questo accade anche se il tasso alcolico nel sangue supera 1,5 g/l.

ECCEZIONI E BONUS

Le infrazioni commesse entro i primi 3 anni di patente possono causare un raddoppiamento dei punti tolti ed un inasprimento agli automobilisti patentati da più di 3 anni, e sospensioni che la prevedono (fino a 5 anni per i recidivi), ma una buona condotta può portare anche a dei benefici.
I neo-patentati che non commettono alcuna infrazione ma vengono premiati con 1 punti di bonus per ogni anno privo di problemi. Alla fine de 3 anni, il guidatore neo-patentato che si è comportato bene può avere un massimo di 3 punti bonus. Inoltre, il guidatore neo-patentato che non commette alcuna infrazione può beneficiare di una riduzione del periodo dopo il quale può guidare veicoli di cilindrata superiore a 55 kw per tonnellata.

lunedì 8 luglio 2019

LA INSURANCE DISTRIBUTION DIRECTIVE


La IDD, Insurance Distribution Directive, è la nuova regolamentazione europea per la trasparenza in ambito assicurativo, ed è operativa da ottobre anche in Italia.
Ma cosa prevede la IDD? La Direttiva disciplina il modo in cui i prodotti assicurativi che direttamente dalle imprese di assicurazione. Stabilisce le informazioni che devono essere fornite ai consumatori prima della sottoscrizione di un contratto di assicurazione. Impone determinate norme di comportamento e di trasparenza ai distributori, chiarisce le procedure e le norme per le attività transfrontaliere e contiene norme per la vigilanza e le sanzioni per i distributori di assicurazione in caso di violazione delle disposizioni della direttiva.

A chi si applica?

La Direttiva si applica a tutti coloro che distribuiscono prodotti assicurativi e riassicurativi.: agenti, mediatori ed operatori di "bancassicurazione", imprese di assicurazione, soggetti che gestiscono siti internet di comparazione quando questi consentono di stipulare direttamente o indirettamente un contratto di assicurazione, agenzie di viaggio ed autonoleggi.